READING

Le teste di Pantelleria (omaggio a Sebastiano Tusa...

Le teste di Pantelleria (omaggio a Sebastiano Tusa)

Sebastiano Tusa, morto nel disastro aereo del volo Ethiopian airlines diretto a Nairobi, archeologo di fama mondiale che trovò le teste di Pantelleria.



Le teste di Pantelleria

Sono state rinvenute tra agosto e settembre 2003, da alcuni studenti di archeologia guidati proprio da Sebastiano Tusa, insieme a Thomas Schaefer dell’Università di Tubingen e Massimo Osanna dell’Università della Basilicata, impegnati nella campagna di scavi a Pantelleria sulla collina di San Marco (dove è stata rinvenuta una acropoli). Dalla Soprintendenza di Trapani sono state subito individuate come di epoca augustea.

Si tratta di “ritratti imperiali” che raffigurano Giulio Cesare, l’imperatore Tito e Agrippina (o Antonia minore). La testa di Cesare è eseguita in marmo pario, la testa femminile è ornata da un diadema e da un’acconciatura a onde e boccoli, mentre quella di Tito, realizzata in marmo greco a grana grossa, raffigura un imperatore ancora giovane. Di seguito alcune foto pubblicate sul sito sicilia.it



Foto delle teste di Pantelleria



Dove vedere le Teste di Pantelleria

Nel 2004 sono state esposte al Museo archeologico regionale Antonio Salinas di Palermo.
Nel 2010 sono state esposte al British Museum di Londra.

Dopo essere state custodite nella sede della Soprintendenza dei Beni culturali di Trapani, terminati i lavori al castello di Pantelleria, vi sono state definitivamente collocate.

“Pantelleria è la porta d’Europa della Cultura per la sua stratificazione storica, verso il nuovo continente.”

Sebastiono Tusa


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

INSTAGRAM
Segui il nostro Instagram
X